sabato 20 dicembre 2014

Film che osano: quando sostenerli o meno?


A me piace leggere i commenti che la gente scrive su Internet.
Spesso trovo cazzate, ma a volte trovo anche gente molto intelligente che dice cose giuste e ragionate: mi piace perchè mi fa capire che gusti ha la gente e da lì estrapolare ed analizzare come potrebbe essere chi sta dietro lo schermo.
Una delle cose che a volte mi capita di leggere, riguarda i film e la situazione della cinematografia in generale ma sopratutto Italiana, specialmente quando qualcuno osa qualcosa di diverso: ciò che appunto leggo spesso è che sono film che dovrebbero essere sostenuti anche se brutti, perchè "aprono la strada" ad altri futuri film migliori.


Personalmente non sono d'accordo e la ritengo una sciocchezza senza senso.

Quando vai a vedere un film, pagare il biglietto è come andare a votare: i tuoi soldi equivalgono ad un voto a favore del film e dicono implicitamente a chi lo ha realizzato che ti piace, che ti va bene così com'è. Tanti biglietti, tanti soldi e quindi tanti voti a favore: questo comunica che è così che alla gente piace e che quello usato è quindi uno schema di successo.
Se viene sostenuto un film mediocre, fatto male o comunque in sinstesi insoddisfacente, facendogli fare successo solo perchè è un tentativo di qualcosa di nuovo, i produttori semplicemente prenderanno atto che invece i criteri di realizzazione usati nel film sono giusti, quindi successivamente produrranno film con gli stessi criteri insoddisfacenti.
E' qualcosa di piuttosto risaputo e banale ciò che ho appena detto: semplice logica di mercato, no?
Quindi è per questo che secondo me è veramente da ingenui (senza offesa, perchè non è intesa come tale) il solo pensare di sostenere un film a prescindere che non sia effettivamente valido, solo in base alla speranza che "aprirà la strada" a film sullo stesso genere ma fatti meglio: ma basta pensarci un attimo.....
Su cosa concretamente basate questa speranza? Su niente... Perchè di tutte le persone con queste idee alle quali ho parlato, nessuno mi ha saputo dire un qualcosa di concreto a sostegno di ciò, aldilà dell'ottimismo. Ma se con l'ottimismo si può anche sperare che ci sia l'Unicorno Rosa a cavallo dell'Arcobaleno, in ambito cinematografico invece per sperare ci vogliono i fatti.
Se quello schema e quei criteri gli hanno fatto incassare un sacco di soldi, come può solo sfiorare l'idea a chi di dovere, che si tratti di qualcosa di errato e quindi da cambiare nelle future produzioni? Come può venirgli di propria iniziativa un sospetto genere, senza niente che glielo motivi ma anzi, quando ha tutto che gli dimostra invece l'opposto? Chi cazzo dovrebbe farglielo capire se non il pubblico che sgancia o meno i soldi? Nessuno. Continuerà infatti a usare lo schema che incasso alla mano, si è dimostrato vincente e difficilmente darà occasioni a chi andrà a proporgli progetti stavolta come si deve, ma ovviamente diversi da quello schema.
In conclusione si, avrete effettivamente fatto in modo che si apra una strada, peccato che sia però quella sbagliata.

I film che vanno sostenuti sono quelli che osano qualcosa di nuovo certo, sono d'accordo, ma devono anche osare nel modo giusto, venire realizzati su schemi validi e quindi che possano gettare i presupposti per futuri film fatti con schemi altrettanto validi.


Nessun commento:

Posta un commento