lunedì 31 agosto 2015

HE-MAN Parte 2: COME DOVEVA VERAMENTE ESSERE IN TV



Nel post precedente ho illustrato come He-Man ed il suo universo erano stati concepiti all'inizio e tutti voi ora sapete quanto quello arrivato in Tv fu differente. Quello di cui voglio parlare ora è invece come sarebbe dovuto essere proprio l'He-Man televisivo, se il team creativo avesse avuto carta bianca: c'è da rimanere sorpresi.
  Robert Lamb faceva parte del team creativo della Filmation ed era responsabile allo storyboard di He-Man, prima di passare successivamente fra gli sceneggiatori: durante gli anni ha raccontato diversi aneddoti sui retroscena della serie e da quelli ho tratto ciò che vi andrò a raccontare.


Partiamo con un aneddoto riguardo al nome: c'è da dire che all'epoca suonava ridicolo anche in America in quanto "He-Man" fino a quel momento era un aggettivo denigratorio, usato per definire il classico manzo da spiaggia palestrato mentre per le femministe era sempre il tipo palestrato ma in più pure tonto. Insomma, non la scelta che appariva più azzeccata e Robert Lamb ricorda di come rispondesse di malavoglia quando gli domandavano su cosa stava lavorando, perchè al sentire "He-Man" scoppiava puntualmente il boato di risa. Una volta che la serie uscì ed ottenne un grande successo, fortunatamente anche il termine "He-Man" cambiò significato nella cultura popolare, associandosi alla figura positiva del nostro eroe.

Tornando al tema principale del post, il team creativo aveva preso l'opportunità che il cartone dava loro in modo molto serio, desiderando dare un'impostazione professionale alla sceneggiatura delle storie e profondità alla psicologia dei personaggi: pur senza allontanarsi dall'obbiettivo di dover creare un cartone basato su dei pupazzini, volevano comunque creare qualcosa di più complesso ed apprezzabile non solo da un pubblico di bambini.
 Questo non venne loro permesso e Lamb racconta di come a volte gli capitava di litigare col Vice Presidente della Filmation proprio per questo genere di motivi, sentendosi rispondere con sincera perplessità di non capire come mai stesse intellettualizzando così tanto le storie, perchè ai bambini interessava solo He-Man che sconfigge i cattivi.
 Ironicamente molti dei dettagli che suscitano oggi ilarità nella serie, sono proprio quelli che gli autori avrebbero evitato se avessero avuto carta bianca; ad onor del vero non si arresero mai del tutto,  riuscendo comunque ad inserire alcune delle loro idee in diversi episodi della serie e tanto bastò a renderla memorabile. Ricordo episodi come quello dove Skeletor tenta di spezzare psicologicamente He-Man, facendogli credere di aver causato la morte di un uomo con le proprie azioni. Oppure l'episodio di Starchild, che è una allegoria sui quei genitori che durante il divorzio si scannano fra loro contendendosi l'affetto dei figli e di come questi ultimi vivano il disagio di questa situazione. Un dettaglio curioso è che soprendentemente alcuni dei personaggi di rilievo sono a tutti gli effetti genitori single, come ad esempio Man-At-Arms e Mekanek: è un dettaglio che trovo curioso perchè la loro condizione di famiglia non convenzionale (almeno per la cultura americana dell'epoca) è stata presentata con assoluta naturalezza e normalità.



Il Principe Adam

Il Principe Adam fu probabilmente il più grosso pugno nello stomaco che Lamb ed il resto degli sceneggiatori ricevette, perchè scombinò completamente quel che avevano ideato. Secondo le descrizioni riportate nel canovaccio della serie, Adam era un normale ragazzo di 18 anni mentre He-Man più maturo e muscoloso: il team aveva quindi creato una psicologia ed un carattere ben preciso del personaggio, poggiandosi su quella descrizione e quel contrasto fra le due identità. Quando gli fu poi mostrato il design che avrebbe avuto, ci restarono decisamente di merda e scusate il francesismo: per ragioni di budget d'animazione (ci arriverò più avanti) Adam ed He-Man erano stati realizzati praticamente identici, colori e vestiti a parte. Per Adam era stata creata una personalità da ragazzo giovane di buon cuore ma un pò fannullone, un pò donnaiolo, uno che prende la vita come viene e si diverte (anche se molti non se lo ricordano, ci furono dei rari momenti durante la serie dove Adam veniva mostrato in buona compagnia)..... E si ritrovarono invece con un culturista vestito di rosa.
Perchè ad Adam/He-Man hanno dato quel taglio di capelli? Non ne ho idea: a conti fatti l'action figure ha un taglio diverso e nei minicomics originali è chiaramente meno da paggetto.
 Tutto ciò fu poi corretto e realizzato in modo appropriato nel remake del 2001.
Piccolo aneddoto al quale nonostante sia vero, faccio fatica a credere pure io: Adam NON doveva essere vestito di rosa, ma di un rosso borgogna simile al giocattolo, a grandi linee qualcosa del genere..

Per i capelli invece nessuna speranza.

Perchè divenne rosa? Perchè il colorista capo della Filmation, Hal Sutherland, era daltonico! Non è una battuta, non è uno scherzo! Ma porca puttana mi domando io, com'è possibile e sopratutto com'è possibile che in ben oltre 100 episodi nessuno abbia notato e detto niente?! Ok, lui era il capo del suo settore ma che cazzo, nessuno ha fatto notare questa cosa a qualcuno di superiore? Evidentemente no, perchè questi errori furono fatti anche nella serie animata di Star Trek.

Concludendo, quel povero cristo del Principe Adam durante la propria creazione ha praticamente avuto contro tutto l'Universo, quindi se appare come il testimonial imbarazzante del gay pride adesso sapete il perchè: da ora in poi siate più comprensivi con lui, poveretto XD



I Guerrieri del Male

Gli scagnozzi di Skeletor furono altre vittime delle imposizioni dei produttori, finendo spesso per essere rappresentati come degli individui maldestri e poco intelligenti se non veri e propri diversivi comici: questo differiva molto dalle loro rappresentazioni cartacee, nelle quali sono invece avversari di tutto rispetto, capaci e dalla personalità interessante. Si riuscì comunque ad avere delle eccezioni, come Evil-Lyn, Whiplash, Modulok e pochi altri che furono approfonditi psicologicamente ed in alcune occasioni ricoprirono il ruolo di antagonista principale dell'episodio al posto di Skeletor.
 Lo stesso Skeletor che se durante la prima stagione era entro certi limiti ragionevolmente perfido e credibile come minaccia per gli eroi, nella seconda scivolò sempre più spesso nel venire mostrato meno competente e prono a finire sconfitto in maniera poco dignitosa.



Il Budget

Purtroppo il vil denaro è stato un'altra un'altra grossa e purtroppo inevitabile fonte di limitazioni. Per risparmiare sul numero di rodovetri* utilizzati, gli animatori dovettero scendere ad alcuni compromessi che sebbene funzionali, causarono qua e là problemi che saltano all'occhio durante la visione della serie.
 1- Oltre il 90% dei personaggi fu creato/riadattato per ottenere un design simmetrico: in questo modo si poteva utilizzare lo stesso stock di animazioni sia che il personaggio fosse inquadrato a destra o sinistra, semplicemente ribaltando gli stessi rodovetri senza la necessità di spendere per crearne di nuovi. Questo è il motivo per il quale ad esempio, Man-At-Arms indossa l'armatura su entrambe le gambe e braccia, a differenza del giocattolo.
 2- Come già accennato sopra, il Principe Adam ed He-Man finirono per essere praticamente identici.
 3- Per alcuni personaggi minori, destinati ad apparire solo in un singolo episodio, furono a volte riutilizzati gli stessi modelli (e quindi gli stessi rodovetri) con diversa colorazione. Si nota poco in realtà, in quanto le apparizioni di questi personaggi riciclati sono state molto distaziante le une dalle altre, ma tant'è...
 4- La necessità di riutilizzare le animazioni di movimento dei personaggi più volte sicuramente ostacolò, almeno in qualche misura, le opzioni dello staff. Per contro le animazioni disponibili erano parecchie e sebbene si notino non hanno mai realmente penalizzato il risultato finale. 
 5- Nonostante l'ovvia necessità di introdurre nel cartone nuovi personaggi e veicoli per pubblicizzarne i relativi giocattoli, le questioni di budget hanno permesso solo a pochi di loro di apparire in più che in un singolo episodio e questo è diventato più marcato verso al conclusione della serie. 

* I rodovetri sono fogli di acetato trasparente sui quali vengono disegnati i fotogrammi delle animazioni.



Concludendo

Nonostante questo, He-Man and The Masters Of The Universe è stata una grande serie e questo mio lungo spiegone non ha avuto assolutamente l'intenzione di criticare la serie, anzi volevo far notare quanto sia venuta bene nonostante tutte le difficoltà.

2 commenti:

  1. L'uso e riuso dei rodovetri rovesciati lo si nota spesso nelle serie degli anni 80.
    Ancora oggi che usano la computer grafica ci sono cartoni animati come Peppa Pig i cui personaggi sono ribaltabili a destra o a sinistra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero. Sottolineavo però come qui condizionò in modo particolarmente marcato il design (o la modifica di quest'ultimo rispetto al giocattolo che faceva loro da modello) di molti personaggi

      Elimina