lunedì 16 gennaio 2017

ANGOLINO DEL MODELLISMO: TRANSFORMERS SKULLCRUNCHER Parte 1



Stavolta tratterò una interessante operazione di revival da parte di Hasbro, dedicata ad una vecchia categoria di Transformers degli anni 80 chiamata Headmasters, qui chiamata Titants Returns.
 Gli Headmasters, assieme ad altri due sottogruppi chiamati Targetmasters e Powermasters, erano Transformers con la particolarità di avere un piccolo partner in grado di trasformarsi diventando un accessorio o parte del Transformer al quale era abbinato: nel caso degli Headmasters si parla della testa.
 Negli anni 80 furono protagonisti di una propria miniserie a fumetti edita dalla Marvel, che ne narrava le origini inserendoli nella continuity della serie a fumetti principale. Furono anche protagonisti di spicco della terza serie animata dei Transformers del periodo G1, composta da soli quattro episodi ed intitolata "Transformers Rebirth", mai trasmessa in Italia e che andava a concludere la serie animata classica (piuttosto confusionaria nel rappresentare il funzionamento degli  Headmasters). Quella che purtroppo arrivò in Italia fu la serie animata Headmasters, la versione giapponese che seguiva una continuity completamente separata e che era una vera merda (spiegherò un'altra volta perchè le serie animate giapponesi dei Transformers fanno schifo).


Marvel comics, 1987
Per divenire un Headmaster, un Transformer deve essere privato della testa ed essere abbinato ad un partner umano: questo individuo viene sottoposto ad un'estesa serie di interventi chirurgici al fine di ricevere diversi potenziamenti ed innesti cibernetici, i quali grazie anche ad una speciale armatura gli permetteranno di trasformarsi in una replica della testa originale del Transformer. Posto che il Transformer e l'umano in questione siano psicologicamente e caratterialmente compatibili, questo porta diversi vantaggi come un drammatico aumento della capacità di elaborazione, tempi di reazione,  ed all'acquisizione dei tratti caratteriali, conoscenze e talenti che l'umano possiede (e viceversa). Quando il Transformer passa alla modalità veicolare, il partner umano riprende le proprie sembianze e ne diviene il pilota dividendo così i compiti di guida, analisi e controllo delle armi con il Transformer (tutte cose che prima il Transformer doveva gestire e coordinare da solo), aumentandone le prestazioni.
 Psicologicamente parlando ogni Headmaster è un caso unico, perchè a seconda delle due personalità che vengono abbinate i risultati e gli effetti a lungo termine possono differire: in genere si instaura una mutua collaborazione ma a volte le due personalità finiscono per fondersi oppure in rari casi estremi, una delle due diviene dominante e l'altra svanisce.
 Essere Headmaster ha però degli svantaggi, primo fra i quali il fatto di non avere più una testa e secondariamente la dipendenza dal partner umano, con il quale si instaura un legame psichico e la cui separazione o dipartita può provocare un feedback psicologico molto negativo al Transformer (oltre al fatto, va ripetuto, di rimanere senza testa).  
 Scusatemi per questa introduzione lunghissima, ma ho sempre trovato gli Headmasters molto affascinanti sin da bambino, sicuramente con la complicità del fatto che l'idea della testa è simile a quella di Jeeg Robot d'Acciaio.
 Purtroppo, questo revival da parte di Hasbro sta venendo gestito male come suo solito ma non mi dilungherò anche su quello, altrimenti non inizio più.

Parliamo allora di Skullcruncher (qui chiamato per sconosciute ragioni di copyright "Skullsmasher"), che è la versione aggiornata di un Decepticon Headmaster degli anni 80, che in Italia fu chiamato "Spaccaossa". Molto forte fisicamente e sorprendentemente intelligente al contrario dello stereotipo secondo il quale il tizio forte deve essere per forza stupido, Skullcruncher si distingue per la questionabile caratteristica di essere l'equivalente Transformers di un cannibale, usando spesso la sua forma di coccodrillo per divorare gli avversarsi sconfitti. Va detto che i Transformers non hanno bisogno di "mangiare" in quella maniera in quanto sussistono sull'energia, ma Skulcruncher è dotato di meccanismi interni che riciclano i suoi "pasti" andando ad amplificare e velocizzare la naturale capacità autoriparante dei Transformers: più materia prima "mangia", più velocemente i suoi danni si riparano. Il suo partner umano Grax era un magnate dell'industria, il classico pesce grosso che mangia quelli piccoli per prosperare. Come ultima nota di colore e decisamente umoristica, Skullcruncher ha il difetto di digrignare involontariamente i denti prima di attaccare, producendo uno stridio metallico esagerato che innervosisce i suoi compagni e butta spesso alle ortiche qualsiasi tentativo di attacco a sorpresa. 





Skullcruncher è un Transformer di Classe Deluxe ed in quanto tale ha una altezza che si aggira intorno ai 14,5 centimetri circa. Lo sculpt è buono, con dettagli meccanici ben definiti anche se poco valorizzati dall'assenza di colorazione; in generale la figure è una ottima rappresentazione del personaggio, esteticamente fedele ed immediatamente identificabile. Niente stravolgimenti o bizzarrie strane, che sono divenuti tristemente una consuetudine.
 Le articolazioni e la posabilità è buona, anche se presenta qualche limitazione di escursione laterale nelle spalle e l'assenza di qualsiasi articolazione alle caviglie (a dire il vero per via del design le caviglie non le ha proprio).
 Skullcruncher brilla particolarmente trasformato in coccodrillo, in quanto è esteticamente veramente bello, solido e la testa dell'animale presenta un'ottima mobilità nel collo, la possibilità di aprire le fauci ed un buon livello di dettaglio all'interno di esse. Un miglioramento rispetto al vintage è stato lo spostare l'abitacolo per Grax dall'interno della bocca all'interno del corpo.
 L'Headmaster Grax è un piccolo gioiellino, molto più piccolo della sua controparte vintage ma anche se di poco ancora più snodato. Presenta ottimi dettagli ed è molto compatto e solido, anche se rispetto al vintage ha una mancanza: la possibilità di nascondere il volto di Skullcruncher quando Grax non è trasformato in testa. Purtroppo il nostro Grax come tutti i nuovi Headmaster, girerà con il faccione di Skull sulla schiena.

Passiamo ora ai difetti di questo giocattolo, che purtroppo non sono pochi.
 Il più grave è la poca stabilità in modalità robot, in quanto ha le caviglie vuote e praticamente prive di qualsivoglia parte che funga da tallone, sommato al fatto che la parte superiore del corpo è più pesante nella schiena, il risultato è che Skullcruncher sarà molto prono a cadere all'indietro. Questo difetto imbarazzante sarebbe stato evitabilissimo con l'aggiunta di uno snodo per permettere alle gambe del coccodrillo di ribaltarsi all'interno, colmando così il vuoto e formando un solido appoggio: dalle modifiche che ho apportato e che vi illustrerò la prossima volta, vi garantisco che avrebbe risolto egregiamente il problema.



Gli snodi delle anche sono un pò molli specialmente nella gamba sinistra e questo ne inficia ulteriormente la stabilità: anche se gli snodi deboli sono facilmente aggiustabili, il fatto che una figure nuova di pacca ne soffra è indice di scarso controllo qualità.

Ed ora arriviamo all'apoteosi della cazzata, perchè lo sportellino che chiude l'abitacolo che Grax usa quando Skullcruncher si trasforma in coccodrillo, è stato realizzato in una plasticaccia morbina e flessibile, che nel mio caso ho trovato perfino deformata. La ragione di tale scelta è inspiegabile.

Tutti questi difetti sono stati riscontrati in quasi tutti gli esemplari prodotti e segnalati da diversi recensori, quindi si parla proprio di difetti di fabbrica e scelte del ca... carocchio. Un vero peccato, considerato che erano tutte cose evitabilissime e che sminuiscono una bella action figure (Al Carrefour dove l'ho comperato, erano infatti rimaste invendute solo diverse copie sue e di un altro Transformers). Se l'ho comperato è solo perchè ero persuaso di poterlo rimettere in sesto.



Nel giocattolo vintage era armato di una pistola mentre la punta della coda del coccodrillo si staccava per diventare una spada. In questa nuova figure la pistola è stata mantenuta, ma purtroppo la spada è stata sostituita dall'intera coda, la quale impugnata dal robot appare come un enorme aggeggio che non è associabile ad alcun tipo di arma conosciuta: gli hanno messo la coda in mano, hanno detto "è un'arma" e sticazzi. Inoltre la coda diventerebbe nelle intezioni una specie di postazione usabile dai piccoli Headmasters come torretta, ma a conti fatti questo consiste semplicemente nel farli sedere dentro l'interno cavo della coda capovolta, apparendo esattamente per quel che è: pessimo, davvero pessimo. Il punto di aggancio della coda con il corpo del coccodrillo è inoltre poco curato ed è l'unica pecca estetica di una modalità veicolare altrimenti perfetta.


Nella seconda parte che arriverà prossimamente, illustrerò le modifiche e le migliorie che apporterò a questo giocattolo. Ciao.

Nessun commento:

Posta un commento