mercoledì 17 giugno 2015

Maturità 2015 e le tracce per la prova di italiano

Ragazzi, condoglianze per dover sostenere una prova del genere con questo caldo che sicuramente non aiuta, senza dimenticare un sentito "in culo alla balena".

Quali tracce si sono inventati quest'anno per il tema di italiano? Vediamole insieme e commentiamole senza pietà.


1-ANALISI DEL TESTO: Italo Calvino con i "Sentieri dei nidi di ragno".
   Sinceramente lo lessi decenni fa, ma me lo ricordo davvero poco se non per il fatto che trattava dell'Italia durante la Seconda Guerra Mondiale, di un bambino e sulla Resistenza; inoltre come molti libri imposti dal programma scolastico, mi risultò piuttosto poco coinvolgente.

2-SAGGIO BREVE ARTISTICO-LETTERARIO: "La letteratura come esperienza di vita"
   Il famigerato "Articolo di giornale". Francamente non capisco cosa voglia, mi spiace.

3-SAGGIO SOCIO-ECONOMICO O STORICO POLITICO: "Le sfide del 21° secolo e le competenze del cittadino nella vita economica e sociale" o "Il Mediterraneo: atlante geopolitico d'Europa e specchio di civiltà" rispettivamente.
    Occhio che questo è spinoso, perchè tutto questo girotondo del cazzo nei titoli in soldoni domanda riflessioni sull'immigrazione; certo si può parlare anche d'altro ma gira e rigira si finisce lì. E' fantastico che mettano sempre una o più tracce dove non si può davvero dire cosa si pensa, in primis perchè non è oggettivamente possibile quantificare con un voto delle idee di questo tipo ed in secundis perchè da sempre, ho avuto la sensazione che vogliano sentirsi dare la risposta politically correct. Che cazzo vuoi scrivere sull'immigrazione? Che i politici girano smarriti come trottole senza sapere cosa fare e con una paura fottuta di fare brutta figura all'estero, col risultato di non fare un accidente: questa è la cruda realtà dei fatti e lo sappiamo tutti, ma pensate che la verità sarebbe gradita? Non credo, perchè non lo è quasi mai. Quindi siamo di fronte ad una traccia per futuri leccaculo, per opportunisti e buonisti della domenica.
  E riguardo le competenze del cittadino? Beh, che scrivere.... Troverò lavoro? La gente si incazzerà mai per qualcosa che non sia il Calcio? Ci sarà mai una sollevazione popolare collettiva contro il Governo, per effettuare una epurazione di rinascita stile Shiva? No perchè a ribellarmi da solo non sono un coraggioso ne do il buon esempio, ma sembrerei solo un coglione ed in più mi mettono al gabbio.

4- TEMA STORICO: Una riflessione sulla Resistenza.
    Ma che due balle su questa Resistenza! Volete una riflessione? Bene. Alcuni membri erano gente sinceramente dedicata a cercare di salvare il paese, mentre altri erano letteralmente dei banditi che facevano cose orribili agli altri italiani. Alcuni hanno compiuto atti di altruismo lodevoli mentre altri erano figli di puttana ma in entrambi i casi, come spesso succede quando dei civili tentano azioni di guerra, hanno combinato anche gran casini perchè non avevano la formazione per prevedere le conseguenze delle proprie azioni. Fine della riflessione.


5- TEMA DI ATTUALITA': "Un bambino, un insegnante, un libro e una penna possono cambiare il mondo"
   E' una citazione di una certa Malala Yousafzai, una ragazza del medio-oriente che si è battuta per l'istruzione e che ha ricevuto l'anno scorso il Premio Nobel. Che dire, lodevole intento e bella frase... Peccato che non sia così semplice: puoi istruire tutta la gente che vuoi, ma se chi sta al potere ti fa ostruizionismo e ti tarpa le ali, sei al punto di prima. Alla fine devi comunque agire in maniera diretta per dare un taglio netto alla situazione, altrimenti ci metti decenni e nel frattempo la situazione peggiora comunque. Non si può cambiare il mondo da dentro il sistema, se il sistema è guasto, perchè è come cercare di riparare un impianto idraulico senza chiudere il rubinetto centrale dell'acqua: forse ci riesci ma con dieci volte la fatica, dieci volte il tempo, probabilmente facendoti male e nel frattempo la casa si è inondata subendo danni collaterali pesanti. A me non sembra molto intelligente.
   PS = Sembrerò cinico ma vi rivelo che parte della mia formazione è di tipo pedagogistico, quindi "istruzione" e "bambini" sono argomenti che prendo molto a cuore e molto sul serio; questo però non mi impedisce di vedere le cose in maniera oggettiva.

6- AMBITO TECNICO SCIENTIFICO: "lo sviluppo scientifico e tecnologico dell'elettronica e dell'informatica ha trasformato il mondo della comunicazione che oggi è dominato dalla connettività. Questi rapidi e profondi mutamenti offrono vaste opportunità ma suscitano anche riflessioni critiche"
    Con questo titolone chilometrico, propongono un argomento trito e ritrito: diedero una traccia quasi identica all'epoca dei primi cellulari moderni e parliamo di molti anni fa. "lo sviluppo scientifico e tecnologico".... Che vuoi scrivere se non che è uno sviluppo da coglioni? Certo è avanzato ma se ci riflettete almeno il 50% del nostro intero sviluppo tecnologico si concentra in minchiate superflue, molte delle quali appunto nella comunicazione informatica e mobile. Il motivo è ovvio: le minchiate superflue fanno fare soldi, mentre i progressi per il bene comune li tolgono. Fine del tema.

Insomma, se mi trovassi a dover svolgere questi temi con la Spada di Damocle del cercare di venire promosso, non so proprio cosa potrei scegliere senza dover scrivere cose poco sincere: mettere ragazzi in queste condizioni non è un bell'insegnamento, a pare mio.

Nessun commento:

Posta un commento