lunedì 15 giugno 2015

Super Sentai Vs Power Rangers



Negli anni novanta arrivano in Italia direttamente dall'America i Power Ranger e furono un successone.
Cosa posso dire dei Power Ranger? Che sono una cagata pazzesca(cit.)
Mi spiace per chi è nato dopo gli anni ottanta e li considera un mito perchè ha conosciuto solo quelli, ma io sono cresciuto con telefilm giapponesi di ben altra caratura come I-Zenborg, Megaloman, Koseidon eccetera, che inevitabilmente mi fecero subito sembrare i Power Ranger per quello che erano: la classica minchiatella buonista americana. Minchiatella che tentava di imitare male per giunta, ma all'epoca non mi rendevo conto di come davvero stavano le cose.


La realtà è che fin dal 1975 esiste in Giappone un genere di telefilm d'azione chiamato Super Sentai, che molto all'osso si può riassumere con "squadra di tizi in tute colorate che si menano contro mostri di gomma".  Scherzi a parte, il genere Super Sentai è effettivamente caratterizzato da team di (generalmente) cinque individui che si trasformano in "supereroi" ognuno di colore diverso e lottano fra calci, esplosioni e capriole contro l'organizzazione di cattivi di turno, i quali gli lanciano contro un mostrone ogni volta.
Suona familiare? Dovrebbe, perchè in pratica è il format utilizzato dai Power Ranger. 

 I Goranger ed i loro costumi pezzenti creati dal papà di Cyborg 009
Prodotti dalla Toei Inc. i primi in assoluto furono i Goranger, protagonisti della serie omonima durata ben due anni (1975/1977), seguiti dalla sfortunata serie JAKQ e poi da Battle Fever J, che introduce per la prima volta un robot gigante a disposizione dei protagonisti e che diventerà una delle caratteristiche portanti e distintive del genere (per la felicità dei produttori di giocattoli); la produzione di serie Sentai continua ininterrotta da allora.

Tutte le squadre Super Sentai durante uno special del 2012


Nel 1993 l'americana Saban Entertainment si accorda con la Toei ed acquista la serie Sentai Kyōryū Sentai Zyuranger, prodotta e trasmessa in Giappone l'anno precedente; tuttavia, invece che semplicemente doppiare la serie, la Saban ne trasse una sorta di mostro di Frankenstein per soddisfare gli "standard americani". Perchè mostro di Frankenstein? Perchè girarono il telefilm ex-novo con attori americani e cambiando completamente la storia, mentre per le scene dove erano presenti i nemici, con i robottoni e per quelle dei combattimenti in costume, montarono le originali giapponesi: ebbene si, un enorme taglia e cuci. Per certe scene durante le quali era obbligatorio che gli attori statunitensi interagissero con elementi presenti negli spezzoni, Saban aveva accesso ai costumi ed all'oggettistica del telefilm originale.


E queste facce da pirlunga erano gli originali giapponesi

Considerato che in Zyuranger il ranger giallo era un maschio mentre nei Power Ranger era una donna, non mi spiego davvero come nessuno si sia accorto che quando si trasformava le sparissero completamente le tette (e per forza: le scene d'azione in costume erano, come già detto, gli spezzoni di quelle giapponesi).... E comparisse altro.



Per quanto riguarda la storia, c'è da dire che i Super Sentai pur presentando i classici elementi della grottesta e sopra le righe comicità giappa, per contrasto generalmente possiedono un lato piuttosto crudo: i personaggi si feriscono e sanguinano, la gente muore e ci sono momenti che potremmo definire intensi. Questo è andato un pò scemando durante gli anni novanta e le produzioni degli ultimi anni purtroppo si prendono ben poco sul serio; sebbene Zyuranger avesse di suo una trama abbastanza infantile, la mano a stelle e strisce riuscì a fare ben peggio. I Power Rangsier erano il classico telefilm per bambini dove "edulcorato" era un vero e proprio mantra: un mondo "volemose bene" dove tutto sembrava uno scherzo, dove non esiste nemmeno la parola "pupù" e qualsiasi cosa negativa aveva talmente una zuccherosa aura di finto da sembrare la Melevisione.
Da allora il trend è rimasto invariato: le serie Sentai da Zyuranger in poi sono state usate come materiale base dalle quali trarre le varie serie dei Power Rangers. Il lato positivo è che le serie Sentai precedenti si sono salvate.
Per chi fosse cresciuto con i Power Rangers e non si trovasse d'accordo, mi spiace ma l'amara verità è che se a voi son sembrate delle figate di storie è solo perchè non avete mai conosciuto altro col quale fare un confronto: non è colpa mia e nemmeno vostra.

Come dicevo, non è che tutte le serie Super Sentai fossero capolavori di dramma, anche perchè sono e restano dirette ad un target molto giovane ma hanno tuttavia degli elementi, specialmente nelle serie meno recenti, che almeno io ho apprezzato (oltre che modellini e plastici della madonna).

Per chi volesse guardare qualcosa al riguardo, consiglio di visionare i lavori di un gruppo di fansub amatoriale, il The Crows Ita Fansub che si sta facendo in quattro nel sottotitolare un gran numero di serie Sentai e non solo. 

Nessun commento:

Posta un commento