mercoledì 3 agosto 2016

STRANGER THINGS - Impressioni



Ho finito di guardare questa nuova miniserie americana di otto puntate (di circa 45 minuti l'una) che un pò tutti mi hanno raccomandato, avente come caratteristica oltre al fatto di essere ambientata nei primi anni 80, di rifarsi allo stile di quegli anni e ne riproduce le situazioni tipiche delle produzioni di allora.
 Questa sorta di recensione sarà un pò particolare in quanto non volendo fare alcuno spoiler, vi sarà una parte in chiaro ed un'altra oscurata, dove parlerò di un dettaglio particolare che vi rovinerebbe il finale della storia. Per leggerlo dovete semplicemente selezionare il testo, ma ripeto che consiglio di farlo solo a chi la serie l'abbia terminata: io vi ho avvertiti, sono cavoli vostri.


 In genere sono molto prevenuto su produzioni moderne e spesso, almeno per quel che riguarda le caratteristiche che ritengo fondamentali per questo o quel dato tipo di prodotto, finisco per avere ragione: stavolta mi sono sbagliato o meglio, non sono partito proprio prevenuto ma avevo il timore di qualcosa fatto a metà, di qualcosa solo di facciata o che strizzasse l'occhio talmente in modo forzato da farsi venire un crampo.
 Non è stato così e sono contento, contentissimo di aver trovato i miei timori infondati, cosa che spero accada più spesso.
  
Le citazioni ci sono, ma 99 volte su cento sono buttate in modo naturale nel contesto e non cacciate a forza in faccia allo spettatore: ci sono citazioni anni 80 perchè hanno ricreato un ambiente anni 80, punto. Dal punto di vista recitativo, tutto il cast si attesta a livelli ottimi ed in alcuni casi alti, come ad esempio Winona Ryder che veramente da prova di meritarsi la propria celebrità, ma anche e sopratutto gli attori bambini sono stati scelti bene, cavandosela egregiamente.


 L'inizio ha saputo conquistarmi per la spontaneità della situazione, che vede introdotti i piccoli protagonisti mentre giocano a Dungeons and Dragons. Aldilà che il giovane Dungeon Master ha descritto la scena del gioco meglio di molti reali giocatori, durante un tiro molto importante i dadi rotolano giù dal tavolo facendo scattare una caccia al tesoro per ritrovarli: è estremanente realistico perchè vi garantisco che capita sempre ed è un piccolo dettaglio che ho apprezzato molto.

 In ultimo, anche la storia è interessante e seppur agli spettatori più scafati risulterà completamente chiara già dal secondo episodio, questo non impedirà di godersela; sinceramente mi ero figurato una serie con puntate autoconclusive dove in ognuna si affrontava qualcosa di diverso, ma va benissimo anche così.



Si vocifera di un seguito ma francamente spero di no, dopotutto ci sono cose che vanno bene così e che non vanno più toccate.
 Ah, dimenticavo: date qualcosa da mangiare all'attrice che interpreta Nancy, perchè quella ragazza è pelle ed ossa, porca miseria.



Ok, ora come ho già detto arriva la parte oscurata con le mie impressioni dettagliate e gli SPOILER!!!!!!




Allora, cosa non mi è piaciuto particolarmente? Non mi è piaciuto l'infilarci dentro il solito progetto governativo segreto. Per carità è stato inserito in modo interessante, legandolo ai reali fatti riguardo il progetto MK-Ultra, però le macchinazioni super segrete da insabbiamento mi rompevano già i coglioni ai tempi di X-Files e continuano a farlo: ai fini della storia funziona, non è che sia stato inserito male ma semplicemente mi ha annoiato e mi faceva venire voglia di mandare avanti quella parte.

 Ed ora il tasto dolente: il finale. Non è un brutto finale ma dal mio punto di vista è completamente sbagliato e nello specifico parlo di quello che accade ad Undici. Ora direte ok, ti sei affezionato al personaggio ed è vero, tuttavia questo dettaglio non influisce sul motivo per il quale ritengo che il finale doveva essere diverso. 
 Il motivo è che semplicemente quello non è stato un finale da anni 80 e vi spiego subito cosa intendo.

 Per essere coerente con le premesse sulle quali la serie si basa, nel finale Undici doveva sopravvivere o comunque non scomparire o qualsiasi cosa le sia successa, perchè praticamente in tutti i film degli anni 80 che hanno per protagonisti ragazzini (E.T. ; Explorers ; I Goonies ; Unico Indizio la Luna Piena ; Squadra Antimostri, solo per citarne alcuni) la conclusione in un modo o nell'altro era sempre a lieto fine: qui invece no, questo è un finale moderno e mi è risultato come un pugno in un occhio specialmente per come le cose erano andate bene fino a quel momento. La sensazione dell'ultimo quatro d'ora finale è stata "Ma... Ma che cazzo sta succedendo, ho cambiato telefilm e non me ne sono accorto?" E' come se fosse scappata loro la mano e non se ne siano accorti, oppure che abbiano fatto spallucce dicendo "pazienza".
 Insomma, mi sono inciampati nel finale facendo un ruzzolone magari non gigantesco ma che comunque a mio parere li ha fatti ritrovare con il sedere per terra.

Come ultimo piccolo appunto: ma quanto è resistente il Demogorgone? Lo crivellano di mitragliate, lo prendono a mazzate chiodate e gli danno pure fuoco ma quello pur soffrendo continua ad andare avanti come niente: la Madonna, mi sembra davvero esagerato considerando che è solo un animale di una Dimensione parallela. Troppo forzato secondo me.

Nessun commento:

Posta un commento