venerdì 9 settembre 2016

BATMAN ARKHAM ORIGINS Recensione



Un mese fa non ricordo più il perchè (l'età avanza, triste ma vero) mi venne voglia di provare un gioco di Batman, quelli famosi della serie Arkham. Non sapendo un tubo di questi giochi ed evitando di informarmi nel dettaglio per evitarmi spoiler vari, mi sono limitato a decidere in base ad una cosa: quali costumi alternativi per Batman erano presenti.
 Ah ecco, ora mi sono ricordato perchè ho deciso di giocarci: mi era venuta voglia di editare un costume per Batman (l'età avanza, triste ma vero).
 Tornando a noi, quello con i costumi per me più interessanti era "Batman Arkham Origins" e quindi me lo sono procurato, scoprendo solo dopo che viene considerato il più brutto della serie, complice il fatto di non essere stato realizzato dalla stessa software house responsabile dei due precedenti titoli: sarà vero?



 Dopo averlo concluso ho anche giocato i due precedenti, ovvero Asylum e City quindi la mia recensione sarà anche in paragone a questi, approfittando per dire il mio parere generale riguardo questa serie di videogiochi.
 Non posso dirmi un grande esperto del Batman fumettistico perchè a differenza di quello animato e cinematografico, quello genuino su carta stampata mi è sempre stato sulle scatole. Si, mi sta sulle scatole Batman come persona e tutte le sue tare mentali, che tuttavia sono ciò che lo definisce come personaggio e questo l'ho compreso persino io. Il problema dei videogiochi della serie Arkham è che a parte essere molto bravo a menare cazzotti, quel Batman non esprime altre caratteristiche che andrebbero a tracciarne un ritratto più tridimensionale: il Batman di Arkham è un tizio che mena molto bene ma che fa il macho borioso ed odioso in quasi qualsiasi dialogo. Salva un ostaggio da una trappola mortale? Non una parola gentile, non un gesto di conforto come una mano sulla spalla, non un semplice sorriso. Niente.
 Cazzo, fino a prova contraria Batman dovrebbe far cagare sotto i criminali e non la gente che salva, specialmente perchè Bruce Wayne fa il vigilante per impedire che altra gente soffra come ha sofferto lui. Questo Batman invece soffre della sindrome da cazzo grosso e sotto questo aspetto non mi è piaciuto affatto.

 Ma torniamo ad Origins e partiamo con il fatto che si tratta di un prequel della serie, che non è certo una buona partenza perchè raramente i prequel hanno mai funzionato. Abbiamo quindi un Batman all'inizio della sua carriera, in attività da un anno o due e che non ha ancora affrontato nessun vero supercriminale: questo cambierà durante la notte di Natale, dove ne incontrerà uno sfacelo.
 Essendo stata la mia prima esposizione a questo tipo di gioco, devo dire che mi piaciuto e che mi sono divertito parecchio pur con qualche punto decisamente opinabile, ma giocando i due titoli precedenti mi sono reso conto del perchè non abbia una buona fama pur non classificandosi come brutto gioco. Che ha che non va? Andiamo per punti.


1. LA NOTTE ETERNA

 Come dicevo il gioco si svolge durante la notte di Natale, solo che di eventi e battaglie ne accadono parecchie e la notte non finisce MAI. Senza rivelare niente, ne succedono di tutti i colori, si corre avanti e indietro ed i nemici affrontati sono una infinità tanto che se fosse messo a fumetti durerebbe dodici numeri (un anno di pubblicazioni in pratica), ma ci viene fatto credere che sia tutto in un singola notte invernale. La storia in sè funziona come prequel ma avrebbe avuto più senso spezzarla su due notti o magari tre, in modo da inserire anche alcune sezioni per mostrare decentemente l'instaurarsi del rapporto fra Batman ed i suoi futuri comprimari: ricordo infatti che temporalmente Batman non ha la collaborazione della Polizia, non è amico di Gordon ed è pure ricercato.

2. LA BATMOBILE

 Batman non ha la Batmobile: la si vede a pezzi, ancora in costruzione nella Bat-Caverna ma tale rimarrà. Tecnicamente non sarebbe un grosso difetto, se non che Batman ha a disposizione un perfettamente funzionante Bat-Wing, ovvero il suo jet personale! Solo a me suona illogico che un vigilante urbano si crei prima qualcosa di complesso, costoso e circostanziale come un jet e solo dopo pensi ad una automobile? A me verrebbe spontaneo il contrario. Il Bat-Wing diventa disponibile durante il gioco per "teleportarsi" fra una sezione e l'altra della città tramite una cutscene, ma a questo punto meglio che ci fosse la Batmobile per questo compito: almeno ci davano un contentino!


3. IL COSTUME

 Questo è il genere di incongruenze per le quali i prequel falliscono quasi sempre. Io sono un fermo sostenitore di Batman in armatura, perchè con i soldi che ha e senza superpoteri, mi è sempre apparso inverosimile che vada in giro in spandex, infatti a parità di miliardi in banca ritengo the Tony Stark spenda molto meglio i suoi soldi rispetto a Bruce Wayne.
 Batman in questo gioco indossa una corazza pura e semplice, il problema però è che praticamente appare lontana anni luce e più sofisticata rispetto al costume  usato nei due giochi precedenti (che pur resistente ed in qualche modo protettivo, rimane un costume), i quali però cronologicamente si svolgono dopo. Allo stesso modo, alcuni gadget sono nuovi o più avanzati di quelli usati in Arkham Asylum e City, quindi stesso problema del costume: questo è il genere di scarsa attenzione ai dettagli ed alla coerenza che mi fa dare dell'incompetente alle persone.



4. LA CITTA' VUOTA

 E' la notte di Natale, la situazione non è bella e c'è una bufera di neve, ma in strada comunque non c'è nessuno. A parte i criminali ed i poliziotti, se dovessimo giudicare solo da quanto si vede Gotham City è una città fantasma.

5. BATMAN NABBO

 L'idea era quella di presentare un Batman ancora inesperto, ma sinceramente questo aspetto non l'ho visto assolutamente. Come dicevo sopra il costume è anche più avanzato di quello che a logica userà in seguito, i gadget ci sono già tutti, mena come un fabbro e di errori non ne fa. L'unico barlume di inesperienza che si vede è come ancora non sia convinto di potersi fidare e quindi collaborare con la polizia (ed in quel momento non ne avrebbe comunque tutti i torti). Fine.
 Sarebbe stato più coerente mostrare Batman fare degli errori di valutazione ed imparare da essi: poteva essere un ottimo spunto di sceneggiatura anche per quest secondarie, invece niente. Saranno contenti quegli sfigati che non hanno ancora superato la fase adolescenziale dell'eroe sgravato, infallibile e che vince sempre.



Poi ovviamente c'è anche lui.
*Piccola nota sul Joker:
In Origins è bello vedere il primo incontro fra lui e Batman, solo che in ogni Arkham in qualche modo il Joker diventa il villain principale e francamente ha un pò rotto il cazzo. Questo mi fa sorgere il dubbio se il parco di nemici di Batman sia talmente poco carismatico che l'unico da reggere come boss finale sia il Joker, oppure se ci stanno marciando sopra per poca fantasia o pigrizia. Mah....


6. MANGIASOLDI

Come brutta tradizione degli ultimi anni anche questo gioco ha una pletora di contenuti scaricabili a pagamento o in omaggio tramite preordini in questa o quell'altra catena di negozi. Quasi tutti questi contenuti sono costumi alternativi per Batman e mio principale interesse riguardo al gioco: i costumi di default di Batman non mi garbano. Ora, la prima cosa ma comune anche ai giochi precedenti è che i costumi possono essere usati nella storia principale solo DOPO averla terminata: quindi se come me non vi piace e non vi diverte usare Batman col suo costume di default, vi attaccate al suo Bat-Attrezzo: il problema è parzialmente risolvibile su pc tramite un cheat, ma rimane un dettaglio irritante. Il vero problema riguardo ad Origins in particolare è però un altro: in questo gioco i costumi si possono cambiare a piacimento durante il gioco, tornando alla Batcaverna e questo è anche una idea molto carina. Non è invece carino come gli sviluppatori si siano scordati di inserire nei file di salvataggio qualcosa che memorizzi la scelta del costume, che si resetta ad ogni morte. Vi faccio un esempio: voi avete cambiato costume e state facendo una missione, morite e quando il gioco ricarica la posizione Batman avrà di nuovo il suo costume di default, non quello che gli avete scelto e sopratutto che avete PAGATO.
 Questo aldilà di essere definibile come frode è un peccato perchè il gioco include alcuni costumi molto belli quali il Batman Vittoriano (che adoro) di Gotham By Gaslight e l'Azrael Batman (quest'ultimo sarebbe una esclusiva PS3 ma la si fa funzionare anche su PC in barba a tutti)
 L'unico DLC di questo gioco che vale effettivamente i soldi è la mini-campagna che introduce Mister Freeze, che tuttavia è completamente separata da quella principale e va giocata letteralmente a parte.

Concludendo il gioco resta godibile e come ci tengo a ripetere, senza avere un metro di paragone mi ha divertito molto e comunque ha diversi punti molto validi, belli da giocare ed una buona storia; resta però l'anello debole della serie proprio come viene dipinto, in particolare per quel suo volerne essere prequel.

Nessun commento:

Posta un commento