martedì 24 marzo 2020

SPRING-HEELED JACK - CREATURA SOPRANNATURALE MA ANCHE PRIMO SUPEREROE MODERNO



Questo articolo è un pò una combo fra il tema superoistico e l'Angolino Occulto, perchè i due argomenti in questo caso combaciano e riguardano lo stesso soggetto: Jack dai Tacchi a Molla, Jack il Saltatore o in originale, Spring-Heeled Jack.


La figura di Jack è molto conosciuta in Inghilterra ed ha la sua origine durante nel 1800, dove Londra fu terrorizzata dalle apparizioni di questa entità, creatura, individuo o qualsiasi cosa fosse per ben 66 anni. Io lo conosco fin da bambino, perchè ne lessi su un libro che trattava di fatti curiosi e inspiegabili.
 Iniziata come un insieme di dicerie e vaghe chiacchiere popolari, la prima apparizione documentata di Jack fu nel 1838, in occasione dell'aggressione di Jane Alsop. Una notte la ragazza sentì bussare alla porta ed un uomo identificatosi come Ufficiale di Polizia le domandò un lume, perchè avevano bloccato Spring-Heeled Jack proprio nel vicolo dove abitava la ragazza. Quando questa gli portò una candela, questi la aggredì, artigliandola in tutto il corpo in maniera impossibile per unghie umane. Una delle sorelle della ragazza, accorsa per il baccano e le grida, chiamò aiuto ma prima che riuscissero a fermarlo, l'aggressore emise una vampa di fuoco e si allontano con un balzo impossibile, scavalcando il muro che chiudeva il vicolo.
 Jane in seguito descrisse l'aggressore: indossava una specie di elmetto ed un vestito bianco o argenteo aderente, simile a gomma. Il volto, se di volto si trattava, era stato descritto dalla ragazza come orribile e con occhi luminosi, mentre le mani coerentemente con le ferite subite, erano artigliate.
 Da quel momento Jack apparve saltuariamente diverse volte, in zone diverse di Londra e la descrizione era più o meno sempre la stessa; vennero istituite ronde e pattugliamenti, ma anche alcune sentinelle vennero aggredite da Jack, che in genere si limitava a prendersi gioco di loro schiaffeggiandole e poi saltare fuori dalla loro portata, a volte su un balcone mentre altre volte qualche tetto.
 Nessuno acchiappò mai Jack e nessuno ha ancora oggi idea di chi o cosa diamine fosse, men che meno del perchè agisse così. L'unica cosa certa è che l'ultimo suo avvistamento si verificò nel 1904, per poi scomparire per sempre.


 La fama di Jack era divenuta enorme e qualcuno pensò bene di sfruttarla per ricavarci qualcosa: quel qualcuno fu la rivista Penny Dreadful.   Penny Dreadful non era esattamente una rivista, ma una serie di pubblicazioni di romanzi e romanzacci popolari a puntate, di qualità molto molto variabile e che spesso vertevano sull'horror o lo spaventoso in generale.
 Nel 1863, venne appunto pubblicato un romanzo in quattro parti con protagonista Spring Heeled Jack ed in seguito una serie di racconti brevi ma attenzione! In queste storie Jack causava si alcuni guai a Londra ma era anche un vigilante mascherato, che salvava damigelle in difficoltà ed affrontava criminali e malfattori. Questa versione romanzata conservava le capacità e gli attributi eccezionali quali la capacità di salto, le mani artigliate (guanti con artigli di metallo), le fiamme ed il volto spaventoso, che era descritto come una maschera. L'identità di questo Jack restava un mistero ed ogni volta che nei racconti qualche personaggio stava per rivelarla dopo averlo riconosciuto, Jack lo zittiva con un "Shhhh", creando una sorta di gag ricorrente.

 Insomma, abbiamo quindi un individuo che si aggira mascherato ed in costume, che grosso modo si batte contro i malvagi e che possiede superpoteri: sono o non sono le caratteristiche base del supereroe? 
 Queste storie ebbero molto successo ed il prezzo irrisorio portò a numerose ristampe.

 Nel 1870, l'editore Charles Fox creò la propria versione letteraria di Jack, espandendo l'idea utilizzata sui Penny Dreadful ed il personaggio diventa un supereroe a tutti gli effetti.
 Jack Baker è un ragazzo inglese nato e cresciuto in India, che deve però tornare in patria perchè il padre deve ereditare il titolo ed i possedimenti di famiglia: durante il viaggio la nave naufraga e si salvano solo lui ed un marinaio, Ned. Dopo essere stati soccorsi, il ragazzo a prendere possesso dell'eredità che ora gli appartiene, accompagnato da Ned, ma li aspetta una brutta sorpresa: Michael, cugino di Jack ha preso possesso di tutta l'eredità producendo false prove secondo le quali Jack sarebbe figlio illegittimo.



Con le pive nel sacco, Jack decide però di vendicarsi: utilizzando alcune discipline imparate in India e costruendo delle speciali scarpe ed un costume pieno di gadget, si inventa l'identità mascherata di Spring-Heeled Jack, con la quale comincia a mettere i bastoni tra le ruote alle attività del cugino ed infine riuscendo a dimostrare di essere legittimo erede.




 Nel 1904 (curiosamente anche l'anno dell'ultimo avvistamento del vero Spring-Heeled Jack), il personaggio riceve il suo ultimo adattamento letterario. La storia ricalca a grandi linee quella di Jack Baker, dove il protagonista si ritrova negati titolo e possedimenti da un malvagio cugino grazie a false accuse, che in questo caso lo rendono un criminale ricercato a rischio di forca. Costretto ad una vita da latitante, diventa Jack grazie ad un amico inventore che gli crea tutto l'equipaggiamento ed usa una chiesa abbandonata come base segreta. Questa storia però è rimasta incompleta.

 Insomma, concludendo Spring-Heeled Jack è un personaggio dalla storia incredibilmente interessante, essendo contemporaneamente sia una leggenda urbana su eventi realmente documentati
 che un personaggio fittizio dalle caratteristiche che anticipano qualsiasi altro supereroe propriamente detto che al momento potrebbe venirmi in mente: mi pare strano che nessuno ci abbia ancora fatto un film sopra.

4 commenti:

  1. Davvero interessante, non conoscevo la storia di questo personaggio. In effetti la sua evoluzione letteraria ricorda molto le storie dei primi supereroi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. Tra l'altro nonostante conoscessi appunto questo personaggio fin da bambino, questo lato letterario/eroistico l'ho scoperto solo di recente ed è stata veramente una sorpresa inaspettata.
      E' stato un pò come ti dicessero "sai cosa? Il Mostro di Loch Ness è stato anche un supereroe" :D :D :D

      Elimina
  2. Beh, ci hanno fatto i film su Jack lo Squartatore, che bene o male è mixato con questo personaggio leggendario...!
    Hai ragione, comunque... è un pre-Batman e per me sarebbe figo se Batman stesso scoprisse di discendere da tale personaggio :)

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, a parte il nome proprio, Jack lo Squartatore è completamente distinto.
      Però mi pare che in un Elseworld (sempre se non mi sbaglio), ci sia un Batman del 1800 molto somigliante a Jack come costume e molto poco al Batman classico. Purtroppo non ricordo come si chiama ma sono sicuro al 100% che è un Elseworld ;)

      Elimina